home NG Primo Piano, NG Eventi Il Giro d’Italia e dei Bons Vivants al via da Torino: prima tappa al ristorante!

Il Giro d’Italia e dei Bons Vivants al via da Torino: prima tappa al ristorante!

 

Events

by Dario Bragaglia

April 30, 2021

 

A ognuno il suo Tour! É iniziato ufficialmente il countdown prima della Partenza da Torino della 104esima edizione del Giro d’Italia, La data dell’8 maggio si avvicina, e finalmente dopo 10 anni si accenderanno di nuovo i riflettori sulla Corsa Rosa all’ombra della Mole. Presenti i big delle due ruote da Nibali a Bernal e Ganna, la tappa crono di apertura sarà un modo davvero straordinario per festeggiare il 160° anniversario dell’Unità d’Italia.

Tra gli sponsor della 104a edizione del Giro d’Italia che parte da Torino sabato 8 maggio per concludersi domenica 30 maggio a Milano, è la celebre casa svizzera di orologi, Tissot.

Dedicato a chi desidera celebrare in chiave gastronomica l’evento sportivo, sei ristoranti torinesi hanno ideato un loro inedito percorso che hanno battezzato “Il Giro di Torino”. Il 7 e l’8 maggio torinesi e turisti avranno l’opportunità di scoprire l’enogastronomia locale e qualche sorpresa ad hoc spostandosi fra CasaGoffi, Cubique, Scannabue, Gaudenzio, Miyabi e Oh Crispa.

Rustica e ipersucculenta la focaccia formato tagliere che soddisfa appetiti robusti da Giro d’Italia: è una prelibatezza di CasaGoffi…merita una lunga tappa!

Un itinerario goloso che si snoda tra tapas-gourmet, Okonomiyaki, (una specialità agrodolce tutta giapponese a forma di pancake americano), succulente focacce farcite, dumplings, ravioli cinesi cotti al vapore, solitamente ripieni di carne e verdura, chiamati anche jiaozi, e panini. Oltre alla possibilità di approfittare del menù degustazione per chi avrà tempo di pranzare in uno dei sei ristoranti  dove la prenotazione (visti i giorni particolari) è sempre consigliata.

Ecco quanto propongono i vari interpreti della cucina ispirata al Giro d’Italia:

 

CasaGoffi (viale Michelotti 52/c): il locale estivo che affaccia sul Po con uno splendido spazio all’aperto rende omaggio alla competizione con due piatti ideati dallo chef Lorenzo Careggio: Pizza rosa con mortadella, stracchino e fiori eduli e la Tapas rosa a base di mousse di trota e pan brioches. La pizza in abbinamento con la birra è venduta al costo di 12 euro, mentre Tapas e birra a 8 euro.

 

 

I cocktail dell’estate anche quest’anno sono firmati dalla barlady torinese Paola Festivi, mentre le birre sono quelle vercellesi del Birrificio Sant’Andrea e i gelati ancora una volta quelli di Alberto Marchetti serviti al tavolo. Fra le altre pizze nella versione di Agribiscotto Bakery (le basi sono di Rudy Marangon, i topping ideati e stilizzati da Lorenzo Careggio) da citare la Bra, una base bianca con stracchino, salsiccia di Bra, nocciole granella e cavolo riccio croccante e la Tonnata con vitello al rosa e salsa tonnata morbida.

 

Cubique (via Saluzzo 86b): Pierluigi Consonni e Alan Spanu propongono uno dei cavalli di battaglia del ristorante la “Lingua nel panino” (lingua stratificata con salsa tonnata racchiusa in due strati di pane tostato) abbinato al Chinotto Lurisia al costo di 10 euro. Formula menù a 13 euro con 2 piatti a scelta.

 

Un grande classico delle cucine di Scannabue: la focaccia ‘Peperoni e Acciughe’, un viaggio a ritroso nel tempo, alle origini della vita nel contado, riproposta in versione moderna nell’aspetto, audace nell’accostamento e appetitosa al palato.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Scannabue Ristorante Gastronomia (Largo Saluzzo 25H): Paolo Fantini e Gianluigi Desana stuzzicano l’appetito con una focaccia homemade super soffice, farcita con peperoni arrosto e acciughe, costo 6 euro. In abbinamento un calice di Ruché di Fenocchio al costo di 3 euro. Menù tradizionale di Scannabue a 45 euro per due persone.

 

Un mix tra enoteca e bistrot francese, molto riuscito nell’intento stilistico e nelle portate, quelle di Gaudenzio Vini e Cucina.

Gaudenzio Vino e Cucina (Via Gaudenzio Ferrari 2H): il locale di Giorgio Cotti si trova a due passi dalla Mole Antonelliana e dal Museo del Cinema. Dopo una visita al monumento simbolo di Torino, la tappa golosa in formula take away prevede il Panzerotto fritto con carciofi del sorij, salsa tartara e agnello al costo di 5 euro. La formula degustazione in piccoli assaggi è a 18 euro.

 

 

La cucina ‘artistica’ e stilizzata dell’estremo oriente (come del resto l’ambiente) del ristorante Giapponese Miyabi: allettante sorpresa gastronomica per tutti, sportivi compresi.

Miyabi Cucina Giapponese (Via Villa della Regina 9/A): Masanori Tezuka lo chef del ristorante Miyabi, originario di Kobe, ha creato per l’evento un Menù Street food- Take away. A scelta un piatto, oppure il menù con tre piatti: okonomiyakistick 5 euro (cavolo, pancetta, farina); Ebi ten roll 5 euro (gamberi in tempura, riso, alghe) ; Taiyaki 4 euro (pan di Spagna, Azuki, a forma di pesce) dessert.

 

 

 

 

Oh Crispa Street food (Via Belfiore 16Bis/D): per il Giro di Torino la vulcanica chef Tina Dai di Shangai, propone uno special price: in take away 2 Baozi al costo di 5,50 euro e un menù degustazione al costo di 20 euro.

 

Guarda il video:

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Maggiori informazioni

Informativa
Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Privacy Policy

Chiudi