home NG Primo Piano, NG Gourmet La Polenta si fa Cool!

La Polenta si fa Cool!

Gourmet  November 2, 2017   

        by Barbara Ronchi della Rocca

 

Polpette di polenta con legumi, formaggio, paprika.

 

Con la cottura ‘slow’ a bassa temperatura. E senza rimestarla. Una delle ultime tendenze, infatti, nella cucina, è quella di usare il meno posssibile il calore della fiamma, soprattuttto se alta, per non ‘stressare’ le proprietà nutritive dei cibi. Un rimedio che io adopero è quello di  usare  la crock-pot, una ‘pentola elettrica’ di cui sono una autentica fan, per cui diventa tutto più semplice anche insegnare alla più ‘disperata’  delle Housewives! “

Ad affermarlo con un certo entusiasmo  è Claudia Fraschini, anima esuberante e dal talento poliedrico (è anche un’eccellente fotografa) di Cookin’ Factory scuola di cucina  in cui, oltre alle master-class, si organizzano  corsi  di ‘team-building’, ovvero l’arte di  far squadra tra impiegati di una stessa azienda; un’esperienza, la sua, maturata agli esordi nella preparazione di catering e banchetti per matrimoni.

 

 

Lei, con una laurea in scienze politiche internazionali in tasca, non si sente per nulla a disagio a indossare un grembiule, (di solito preferisce le tonalità sobrie) e a maneggiare una panoplia di utensili da cucina degni di un ristorante cinque stelle, oltre a  muoversi con una certa disinvoltura in quello che era un ex fabbricato industriale trasformato in un moderno loft dalle misure sconfinate  (quello di via Savonarola, 2 m a Torino) pur di raggiungere il suo obiettivo: trasformare una semplice ricetta in un qualcosa di sublime.

Fosse solo un semplice piatto di polenta. Per cui la gente è disposta, pur di carpirne tutti i segreti, a pagare la ‘modica’ cifra di 55 euro (se l’iscrizione è fatta online)  o di 70 euro se fatta sul posto.

(Courtesy of Claudia Fraschini, Cookin’ Factory)

 

 

C’è da dire che il piatto che verrà presentato questa sera da Cookin’ Factory, sarà degustato con tutti gli onori del caso, per esempio con un cinghiale brasato, marinato la notte precedente nel vino rosso e aceto (con cipolle, sedano, carote, alloro, cannella salvia e timo) e cotto per dodici ore. Servito con un Poggio delle Amarene, un barbera molto corposo.

 

Uno degli accessori di ultima generazione, per una cucina davvero attrezzata e ‘salutistica’: la crock pot, funziona a elettricità e consente lente cotture a bassa temperatura: non oltre i 70°. Ideale per chi lavora, ha poco tempo di cucinare e non rinuncia ai piccoli piaceri della vita come un brasato di cinghiale accompagnato da una deliziosa polenta. 

Ma verrà anche illustrata (precedentemente) una singolare ‘lasagna” fatta con strati di polenta alternati a triangoli di zucca e funghi e cosparsa di béchamel, prima di metterla a gratinare in forno.

La versione ‘appetizers’ della polenta, sono invece, delle croccanti chips, oppure dei cestini ricavati tagliando la polenta a piccoli cilindri per poi essere scavati con un cucchiaino e riempiti di un’untuosa crema di gorgonzola oppure di fonduta e decorati al centro con un gheriglio di noce.

 

Infine il dolce, pressoché scontato, la morbida Amorpolenta dal giallo intenso campo-di-mais che si presenta a forma semi-cilindrica percorsa da archi, tutti da trasformare in invitanti e deliziose porzioni.

 

Ed ecco allora a sorpresa una ricetta curiosa che trasforma la polenta in un qualcosa di ancora più sfizioso del repertorio classico e che esce dal voluminoso ed esclusivo patrimonio di ricette di Claudia Fraschini

 

“Polentina con cipollotti, peperoni, zenzero e anacardi agrodolci”.

150 gr di cipollotti borretani, un peperone rosso molto carnoso, un pezzo di radice di zenzero, zucchero di canna, salsa di soia aceto di mele olio extravergine di oliva e di arachide. Polentina morbida

 

Sbianchire i cipollotti in acqua bollente salata. Scolateli tuffateli in una padella calda con un fondo di aglio olio evo con olio di arachidi con il peperone sbucciato e tagliato a striscioline. Unite anche lo zenzero tagliato a fettine dopo averlo privato della buccia e portate a cottura croccante. Aggiungete un cucchiaio di concentrato di pomodoro, spruzzate con dello zucchero di canna ( un bel cucchiaio), una spruzzata di soia e una di aceto , lasciate tirare la salsa e servite in cocottine con sotto un fondo di polentina gialla guarnendo con delle foglioline di erba cipollina e una granella di anacardi.

Claudia Frachini ideatrice di Cookin’ Factory, molto più di una scuola di cucina, dove la preparazione dei piatti si eleva ad arte, grazie a stile, cultura, curiosità e un background considerevole maturato negli ambiti più diversi, dal management nella ristorazione, alla fotografia, (ha vinto un’edizione di Paratissima a Torino, presentando un progetto fotografico dal titolo Wonderfish).

 

 

 

 

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Maggiori informazioni

Informativa
Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Privacy Policy

Chiudi